Duck Duck Go , il motore di ricerca di che sfida i colossi puntando sulla privacy.

Secondo Wikipedia Duck Duck Go è “un motore di ricerca situato a Paoli, Pennsylvania che utilizza le informazioni di crowdsourcing provenienti da altri siti, ad esempio Wikipedia, con lo scopo di aumentare i risultati tradizionali e di migliorare la pertinenza della ricerca. Esso dichiara di non immagazzinare informazioni sulle ricerche degli utenti”.

Una differenza sostanziale fra Duck Duck Go e i colossi come Google, c’è che i risultati di ricerca non propongono risultati sponsorizzati, né è richiesta la registrazione di un profilo, per poter accedere alle funzionalità del sito, l’unico dato che il gestore si sincera di utilizzare è l’ubicazione geografica.

Il rifiuto della “bolla di filtraggio”. 

In ultimo ma non assolutamente da sottovalutare c’è un aspetto brillantemente sottolineato dagli esperti di Tom’s Hardware: “DuckDuck Go si vanta anche di liberare gli utenti dalla cosiddetta bolla di filtraggio, termine con cui si intende la tendenza di Google a fornire all’utente risultati in linea con le proprie convinzioni e i propri interessi. Conseguenza proprio del tracciamento, la bolla di filtraggio ci isolerebbe da un reale confronto critico, unica base per un vero progresso della conoscenza, finendo così per rafforzare i pregiudizi. In realtà il concetto di bolla di filtraggio è attualmente molto dibattuto nella letteratura sociologica riguardante il Web e non ci sono studi decisivi pro o contro tale teoria. Tuttavia è noto che Google privilegi in qualche modo i contenuti più condivisi, che saranno meglio indicizzati e quindi immediatamente reperibili. In questo modo c’è il rischio concreto di impoverire la qualità e la pluralità di informazione, penalizzando la diffusione di altri contenuti che magari hanno un livello qualitativo identico o addirittura superiore a quello dei primi 10 risultati, ma che per qualche ragione circola meno sul Web, magari perché più accademici o difficili.

Questo nuovo motore di ricerca negli ultimi mesi ha sembra aver registrato un vero boom tanto da portare gli autori ad annunciarne una nuova versione a breve.

Che sia il momento buono per testarlo

Seguici sulla nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/minimalstudioweb/